aidi

Riprenditi la città

concorso
Internazionale
5a edizione

Riprenditi la città – oldani

direttore rivista Luce

Silvano Oldani

Da più di venticinque anni si occupa di comunicazione, relazioni pubbliche, di immagine, di rapporti istituzionali e dell’organizzazioni di eventi culturali. Da giovane non si laurea, inizia a lavorare nel teatro, la sua grande passione, come attore e regista, a Milano e in Italia; poi gli accadimenti della vita lo invitano a scelte più rigorose e terrene. Ma cercherà sempre di portare la passione per la cultura e per l’arte anche nel nuovo lavoro in AEM, che affronterà con altrettanta passione e impegno per tanti anni.

1966/68       Civica Scuola d’Arte Drammatica, corso di Attore

1981/1983    Diploma di Responsabile di Progetto di Relazioni Pubbliche e Ufficio Stampa all’ISFORP, Scuola        superiore di Relazioni Pubbliche – Milano

1983/1988   Responsabile della pagina culturale del periodico mensile “ll Sempione”, negli stessi anni fonda e dirige un piccolo foglio “l’Azione” di ispirazione liberale e socialista

dal 1984       Iscritto all’Elenco Professionisti della FERPI (Federazione Italiana Relazioni Pubbliche); dal 1985 al 1987 membro del Comitato regionale della Lombardia

1985             In AEM è Responsabile dell’Ufficio Stampa

1985            Con il Direttore dell’Accademia di Brera, Fernando De Filippi e gli artisti Ugo La Pietra, Mimmo Rotella, Mario Rossello, Hsiao Chin, fonda il LIB-LAB (Libero Laboratorio di Comunicazione Visiva), di cui è Segretario generale dal 1985 al 1989

1985/1988    Con Ugo La Pietra è curatore di diverse mostre tra le quali quelle su “Il corpo come linguaggio” (Il volto, Le mani, Le braccia, Le gambe); ” I segni del presente”. Organizza dibattiti e seminari sull’Arte, sulla Città e sulla Luce, sui nuovi Spazi urbani e le aree dismesse di archeologia industriale e il Convegno nazionale “Le regole mancanti (1986) con la partecipazione di importanti artisti, critici e galleristi.

1987/1992    Responsabile in AEM di “Editoria e Comunicazione interna” e di “Relazioni esterne e rapporti istituzionali” dell’Area Valtellina

1988/1990   Responsabile per AEM di uno dei progetti pilota per l’Italia di “Orti urbani” in collaborazione con Italia Nostra

1989-2001    Responsabile dell’Archivio storico fotografico di AEM, avvia con la collaborazione di specialisti esterni, il riordino e la catalogazione di uno dei più importanti archivi fotografici dell’industria italiana

dal 1989        Iscritto all’Ordine dei Giornalisti, elenco Pubblicisti

1990/1994    Responsabile del Coordinamento di tutti gli interventi relativi all’architettura e all’immagine degli Edifici e Impianti AEM, rispondendo al Direttore Generale

1993/1994    Responsabile in AEM di “Manifestazioni e Immagine”

1995/1997    Assistente del Direttore Comunicazione e Relazioni esterne” AEM spa, con delega su tre della quattro Funzioni

1997-1998   Con Laura Leonelli, critica della pagina culturale de “Il Sole-24 Ore” è curatore della mostra “Anni luce” nel più importante spazio italiano di fotografia, la Galleria Carla Sozzani di Milano, successivamente allestita a Sondrio a Palazzo Martinengo e a Bormio alla Torre Alberti

1998/2004    Responsabile in AEM spa di “Comunicazione e Immagine”

1998            Invita l’artista italo-inglese Jonathan Guaitamacchi a utilizzare come studio temporaneo la ex Sala Pressione AEM delle ex Officine del Gas, e organizza la sua Personale “Le macchine della Luce”, con gli storici dell’arte Carlo Bertelli, Antonello Negri e il Preside della Facoltà di Architettura di Milano, Cesare Stevan.

1998             Nominato responsabile artistico nel Comitato di Progetto del Piano Urbano della Luce di Milano

2001           Cura l’organizzazione generale con il Segretario Generale di ASSIL,Giancarlo Dezio,  dell’evento “Monumenti in Luce”, concorso a inviti promosso dal Comune di Milano con AEM spa, ASSIL e APIL, per illuminare otto monumenti storici di concetti di luce di altrettanti giovani lighting designers

1998/2002   È coautore, con i Responsabili di Osram e Mons. De Scalzi, Vicario dell’Arcivescovo di Milano, del Progetto “Chiese e Basiliche illuminate” inserito nel Piano Urbano della Luce. Progetto che porterà alla realizzazione dell’illuminazione architettonica di quattordici Chiese storiche e di altrettanti eventi inaugurali

2001            Con il critico e curatore Mimmo Di Marzio, è l’organizzatore generale nei grandi spazi dismessi delle Officine del Gas di Bovisa, della mostra “In-pressione” a cui partecipano sedici giovani artisti italiani che realizzano sul luogo le loro opere. La chiusura della mostra dovrà essere prorogata di due mesi per il successo di pubblico e di critica anche internazionale

2001             Invitato dal Comune di Milano, Assessorato alla Cultura, nella Commissione di studio per il nuovo Museo d’Arte Contemporanea

2004            Responsabile della “CASA dell’energia”, nuovo spazio espositivo AEM di promozione e divulgazione della cultura scientifica e tecnologica sui temi dell’energia, dell’illuminazione, dell’ambiente e del territorio. Coordina le attività di promozione degli interventi d’illuminazione pubblica in particolare storica e architettonica. Assistente per AEM del Presidente di AIDI, collabora con ASSIL all’organizzazione di incontri culturali sul tema della Luce.

1999/2005    È invitato dallo IULM, dallo IED, a seminari o lezioni sulla comunicazione, relazioni pubbliche e sui rapporti istituzionali, delle quali è docente dal 1999 al Master di Light Design all’Accademia di Brera.

2006/2016    Ricopre la carica di Segretario Generale dell’AIDI – Associazione Italiana di Illuminazione

dal 2008        È Direttore Responsabile della Rivista LUCE, edita da AIDI, rivista cartacea, digitale e web